Box modulari per bambini: caratteristiche e modalità d’uso

Il box modulare per bambini è noto anche come recinto. Si tratta di una struttura molto utilizzata soprattutto in alcuni locali pubblici, come le ludoteche, durante le feste di compleanno dei più piccoli. Viene denominato “modulare” in quanto è realizzato da più parti modulabili in plastica o in legno: questi pannelli hanno la funzione di delimitare uno spazio o un’area giochi. In circolazione ne esistono di diversi tipi: ci sono box modulari per giardini, terrazzi e per spazi di dimensioni più ridotte. Insieme scopriremo le caratteristiche principali di questi prodotti e il tipo di utilizzo.

L’età giusta

Prima di acquistare un recinto bisogna tener conto dell’età dei nostri bambini. Il box modulare è adatto infatti ai piccoli che già sono capaci di camminare. Chi ancora non è in grado di fare i suoi passi in modo autonomo può stare all’interno del recinto solo se sotto la visione di un adulto. A differenza dei classici box, infatti, queste strutture non sono caratterizzati da imbottiture laterali, né da un fondo morbido. Non sarà dunque possibile attutire alcun tipo di caduta. In conclusione potremmo dire che i box modulari per bambini possono essere utilizzati dai 3 anni o poco prima fino ai 7, 8 anni. Tutto naturalmente dipende dal singolo soggetto.

La differenza

C’è qualche differenza tra il box giochi classico e quello modulare. Il primo è un articolo rivolto a bambini piccoli. Il box è infatti uno spazio adatto ad accogliere anche neonati di sei mesi. L’importante è che il frugoletto sia capace di star seduto in posizione dritta in modo autonomo. Il recinto invece è preferibile che venga usato dai tre anni in su.

Di box presenti in commercio inoltre ne esistono di ogni forma e dimensioni; differenti anche le modalità di apertura e chiusura per ogni modello. Il recinto invece può cambiare solo in base all’uso dei pannelli. Il box va posizionato solitamente in casa e più raramente all’esterno (giardino, balcone o terrazzino). Questo spazio va utilizzato per attività di gioco temporanee per evitare che il bambino possa poi essere contrariato. Al contrario il recinto si rivolge a bambini più grandi che hanno consapevolezza di questo spazio e che di propria volontà si recano al suo interno per giocare in modo più autonomo. Per approfondire l’argomento ed avere un’idea dei prezzi dei box per bambini presenti in commercio, ti consigliamo di leggere questo interessante articolo ricco di dettagli e informazioni