La Potenza di un frullatore

Quando vogliamo approcciarci all’acquisto di un frullatore, di sicuro è bene anche andarsi ad informare non solo sull’estetica ed il prezzo, ma anche sulla potenza del motore e sulle sue caratteristiche peculiari. Considerando che il motore di un frullatore è una delle sue parti più importanti, e che un buon motore ci consente di avere una macchina anche duratura nel tempo. Di sicuro la prima cosa che c’è da sapere in merito, è che in commercio ci sono due tipologie di motore: quello CC e quello AC. Inoltre non fatevi troppo influenzare dai Watt, che non sono tutto. Ovviamente per scegliere il modello con il motore più idoneo occorre sapere che tipo di utilizzo vorrete farne. Diciamo che i frullatori più commerciali solitamente montano un motore di tipo CC, mentre quelli professionali devono per forza adottare un motore di tipo AC.

Quindi i frullatori per cucine domestiche sono in genere a corrente continua, e sono modelli che necessitano di un utilizzo attento per evitare di raggiungere il surriscaldamento. Questi motori CC infatti hanno il limite di essere suscettibili all’utilizzo duraturo, ed è per questo motivo dovrebbero essere usati a intermittenza per non causare surriscaldamenti. E’ bene che lavorino a intervalli di massimo 1 minuto, con le relative pause per attivare il raffreddamento. Inoltre tutti i frullatori moderni dovrebbero essere dotati anche di sistema di un sicurezza che non appena sentono il dispositivo in difficoltà si spengono.

Al contrario i motori a corrente alternata, quindi AC, sono quelli che vengono scelti per un uso più intenso e più professionale. Sono infatti i frullatori che si trovano nei bar o nei ristoranti, quelli che devono essere attivati per molto tempo e per lavorazioni lunghe anche diversi minuti. Questi frullatori sono creati in modo tale da non avere bisogno di assorbire troppa potenza, ma mantengono comunque le proprie prestazioni elevate.

Quando si parla di Watt invece si intende la potenza del motore, e anche la quantità di energia che si preleva dalla rete elettrica quando il dispositivo è in funzione. Anche in questo caso occorre fare una distinzione tenendo conto dell’uso e sostanzialmente fare solo il confronto tra motori a corrente continua e quelli a corrente alternata. Per tutte le informazioni sui frullatori visita il portale www.sceltafrullatore.it